CAYRUS

Il progetto CAYRUS “Culture and Art for Youth Rights, Unity and Solidarity” è stato finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma Erasmus+. Ha coinvolto 11 ONG di 8 differenti paesi membri o dell’unione Europea (DE,IT, ES, PT, IR) o partner del programma Erasmus+ (Palestina, Egitto, Turchia e Giordania), in particolare il progetto era rivolto ai giovani delle ONG che vorrebbero avere un futuro professionale in ambito sociale, agli studenti che studiano i diritti umani e desiderano sviluppare le loro capacità con i social media. In totale ci sono stati circa una sessantina di partecipanti.

L’idea del progetto era quella di evidenziare l’uso delle arti al fine di promuovere una cittadinanza attiva nell’interesse dei diritti umani. Il programma consisteva nel presenatre esempi di un uso creativo dei diversi media (film, fotografia, fumetti, musica…) con lo scopo di catturare un largo e differente pubblico e fargli immaginare e mettere in atto nuove forme di attivismo per i diriti sociali.

Tre sono stati gli obbiettivi principali:

  • stimolare una maggiore comprensione e ricettività alle diversità sociali e culturali;
  • aumentare le capacità professionali e di gestione delle organizzazioni giovanili attraverso nuovi approci allo sviluppo organizzativo e alla profesionalità dello staff, specialmente con i social media;
  • accrescere l’aspetto internazionale dell’educazione e dei corsi, creando nuove opportunità per le cooperazioni multinazionali e mobilità degli operatori giovanili nel progetto e nei paesi partner.

Sono state sviluppate le seguenti attività:

  1. scambi giovanili dove i partecipanti hanno condiviso le loro esperienze nell’ambito del dialogo interculturale;
  2. corsi di formazione sui progetti europei di amministrazione, sulle strategie dell’Unione Europea per le pre-adesioni per i giovani, mostrando come i media hanno un ruolo rilevante nella partecipazione giovanile e costituiscono un grande vantaggio nella realizzazione dei loro obbiettivi.

Infine, per quanto riguarda i risultati previsti, queste ONG miravano a diventare dei modelli positivi per le azioni della società, a divenire dei formatori per altri gruppi ed influenzare coloro che prendono decisioni per mettere in atto politiche giovanili.

Inoltre a livello europeo, le relazioni costruitesi durante questo progetto potrebbero auitare a sviluppare una rete di ONG che possano cooperare nei prossimi anni al fine di effettuare progetti in ambito educativo e accelerare il processo di cooperazione con i paesi del Mediterraneo.